Tutti sappiamo e la storia ci insegna che l’America venne scoperta dal noto navigatore genovese Cristoforo Colombo, che a bordo di tre caravelle alla volta dell’India si imbatté per caso nel nuovo continente il 12 Ottobre 1492, una data molto importante perché segna tra l’altro l’inizio della storia moderna.

Per commemorare appunto il giorno della scoperta, è stato così istituito il Columbus day (il giorno di Colombo), che venne celebrato per la prima volta a San Francisco dagli italiani nel 1869.

In seguito anche altri stati vi aderirono fino a che il presidente Roosevelt lo elesse festa nazionale per tutti gli Stati Uniti.

A partire dal 1971 il giorno in cui cade questa ricorrenza è fissato per il secondo lunedì del mese di ottobre, lo stesso giorno in cui nel vicino Canada si celebra invece il Giorno del Ringraziamento.

Gli italoamericani sentono molto questa festività e sono particolarmente orgogliosi del fatto che sia stato Cristoforo Colombo, un navigatore italiano, il primo europeo a scoprire il continente americano.

In occasione di questa festività, le banche, gli uffici postali e gli uffici federali sono chiusi, così come gli uffici dell’ambasciata italiana a Washington D.C. e tutti i vari consolati italiani che si trovano nel paese.

Inoltre l’Empire State Building di New York da vari anni usa accendere le sue luci, riproducendo così il tricolore italiano.

Ha fatto di conseguenza molto discutere la scelta fatta di recente da San Francisco di non voler più celebrare il Columbus Day e di sostituirlo con “l’Indigenous Peoples Day”, con l’intenzione quindi di omaggiare i nativi americani vittime della colonizzazione europea.

Gli italoamericani della città hanno preso la decisione come un vero e proprio insulto alle loro origini e tradizioni.

Cristina Olivolo, un membro del club delle donne di San Francisco, ha affermato in merito di essere solidale con le povere vittime della colonizzazione, ma ha precisato che il 12 ottobre dovrebbe intitolarsi l’Italian Heritage Day, proprio per sottolineare l’importanza del ruolo di quegli americani di origine italiana.

Possiamo solo auspicare che si possa arrivare ad un’intesa tra le varie parti in causa ed evitare così che una festa non diventi oggetto di odio e diatribe.

 

 

 

Articoli che potrebbero piacerti

Le Beaver Falls in Arizona sono delle cascate incantevoli anche se non molto conosciute. Leggi qui!

Vi presentiamo lo spettacolare Grand Canyon in Arizona, una delle meraviglie naturali più belle e famose del mondo.

I nostri Tour Operator al tuo servizio per la tua esperienza di viaggio senza confini. Clicca e parti.

Realizza il sogno di un viaggio per le tue esigenze e passioni. Clicca e parti.

Semplifichiamo la pianificazione e la realizzazione di un viaggio di lavoro o per affari. Clicca e parti.

Per il mondo delle agenzie di viaggio. Clicca e fai business con Go World.

Per chi ama i social media. Clicca e sogna il tuo prossimo viaggio.

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011