Passaporti, sicurezza, situazione sanitaria e numeri utili in New England

Passaporto e visti

A partire dal 12 gennaio 2009 è previsto il Visa Waiver Program, che consente di viaggiare senza il visto,  che richiede un’autorizzazione al viaggio elettronica, (ESTA -Electronic System for Travel Authorization) prima di salire a bordo del mezzo di trasporto, aereo o navale, in rotta verso gli Stati Uniti.
La procedura, molto semplice e rapida, è illustrata sul sito dell’Ambasciata U.S.A.

Dal 1 aprile 2016 i passaporti validi per recarsi negli USA con il Visa Waiver Program sono solo quelli elettronici. Hanno una numerazione a 9 cifre, di cui 2 lettere e 7 numeri (i primi emessi sono della serie AA).

I minori per beneficiare del Visa Waiver Program devono essere in possesso di passaporto individuale.
Restrizioni per coloro che hanno viaggiato in Libia, Somalia, Yemen, Sudan, Siria, Iran ed Iraq dopo il 1° marzo 2011: non posso usufruire del sistema Visa Waiver Program e  devono fare domanda di visto USA.

Qualora il viaggio sia avvenuto per motivi ufficiali, è possibile registrarsi con ESTA rispondendo alle domande relative al viaggio intercorso dopo il primo marzo in uno dei sette paesi sopra menzionati: in caso di diniego della registrazione ESTA, si dovrà procedere alla domanda di visto USA.

Requisiti per richiedere l’autorizzazione “Visa Waiver Program” sono:

– viaggiare esclusivamente per affari e/o per turismo;
– rimanere negli Stati Uniti non più di 90 giorni;
– possedere un biglietto di ritorno.

In mancanza anche di uno dei requisiti elencati, è necessario richiedere il visto. Ricordiamo che il passaporto deve essere in corso di validità: la data di scadenza deve essere successiva alla data prevista per il rientro in Italia.

 

Sicurezza

Come in tutti luoghi turistici, vengono commessi piccoli crimini e per ciò si raccomanda di tenere stretti i propri averi ed evitare di portare con sé grandi somme di denaro o oggetti di valore. Se siete vittima di qualche crimine, è necessario avvisare subito la polizia per avere un numero di identificazione e di riferimento per l’assicurazione.

 

Situazione sanitaria

Il sistema sanitario americano garantisce assistenza ad alti livelli e a prezzi altissimi. Per evitare di dover pagare somme ingenti anche per semplici cure si raccomanda di stipulare una polizza sanitaria prima di partire per gli Stati Uniti.

 

Indirizzi e numeri utili

Numero di emergenza: 911

CONSOLATO ITALIANO A BOSTON
Indirizzo: 600 Atlantic Avenue – Boston, Massachusetts 02210-2206
Orari: 9.00-12.00, di lunedì, martedì, mercoledì e venerdì; 14.00-15.30, di giovedì
Telefono: +1 617 7229201
Fax: +1 617 722 9407
E-Mail: [email protected]
Sito web: www.consboston.esteri.it
Aree di competenza: Maine, Massachusetts, New Hampshire, Rhode Island, Vermont

Articoli che potrebbero piacerti
Southwest

Letteratura Oltre alla componente letteraria riguardante la geografia del South, alcuni temi  riguardano la schiavitù, la Guerra Civile Americana e la Ricostruzione. La cultura conservatrice del sud ha inoltre prodotto una forte concentrazione attorno a temi come la famiglia, religione, il ruolo della comunità nella vita del singolo , l’uso del dialetto del sud e […]

Vacanza in Canada

Per circolare con un veicolo a motore è richiesta la Patente Internazionale, salvo che nei Territori del Nord Ovest dove è riconosciuta solo la Patente Internazionale secondo la Convenzione di Ginevra del 1949. L’assicurazione per la responsabilità civile terzi è obbligatoria. Il massimale minimo in Canada è di 200.000 dollari mentre nel Québec è di […]

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su