Caraibi: Letteratura, musica e film a Porto Rico

Letteratura

Il Porto Rico non ha una vera letteratura registrata prima del sec. XIX, fatto dovuto alla povertà, alla scomparsa della popolazione indigena, dalle devastazioni degli uragani e pirati.

Qualche progresso vi portò il riformismo illuminista nella seconda metà del Settecento.
In quest’epoca, l’esponente principale della letteratura fu Iñigo Abbad. Nell’Ottocento apparve la prima tipografia, il primo giornale (Diario económico, 1814), e il primo teatro (1832) e prese avvio il fervore letterario, documentato tra l’altro da due edizioni dell’Aguinaldo puertorriqueño, almanacco di poesie e di prose romantiche.

Nel 1849 Manuel Alonso (1823-1890) iniziò il costumbrismo ritraendo in versi e prosa El Jíbaro (Il contadino) col suo linguaggio vernacolare, ripreso poi molte volte nella narrativa e nel teatro realistici. Diversi altri scrittori fiorirono nell’Ottocento. Fra essi, Alejandro Tapia y Rivera (1827-1882), pubblicista, insegnante, autore del poema pseudofilosofico La Sataniada (1878), narratore e drammaturgo romantico (Roberto de Evreux, 1848; La cuarterona, 1867, sui conflitti razziali); i poeti José G. Padilla (1829-1896), Manuel M. Corchado (1840-1884) e José Gautier Benítez (1876-1880), delicato lirico becqueriano; le poetesse Alejandrina Benítez (1810-1879) e Lola Rodríguez de Tió (1843-1924), e, soprattutto, il pensatore, sociologo, pedagogista e saggista Eugenio María Hostos (1839-1903), insigne patriota e promotore di cultura, autore fra l’altro di Moral social (1888), La peregrinación de Bayoán (1863), romanzo allegorico-politico, e Cuentos a mi hijo. L’annessione dell’isola agli Stati Uniti (1898) portò, oltre al progresso economico, la creazione dell’Università di San Juan (1903), subito divenuta centro culturale di prim’ordine e vivaio di scrittori, pubblicisti, teatranti, ed intensi rapporti culturali con gli Stati Uniti e libertà di espressione e di stampa. Si moltiplicarono quindi gli scrittori, i movimenti letterari e le riviste.

La poesia ha rispecchiato le tendenze latino-americane e ha espresso lirici di rilievo, quali José de Diego (1866-1918), Luis Lloréns Torres (1878-1944), noto anche come saggista e drammaturgo, i fratelli Evaristo (1896-1976) e José Ribera Chevremont (1897), José I. de Diego Padró (1899) e specialmente Luis Palés Matos (1899-1959), autore di Tuntún de pasa y grifería (1937), senza dubbio uno dei più alti esponenti della cosiddetta poesia afro-cubana e uno dei poeti più originali dell’America Latina.

Tra i poeti si segnalano Andrés Castro Ríos (n. 1942), Ivan Silén (n. 1944), Jorge María Ruscalleda Bercedóniz (n. 1944). La narrativa, dopo aver avuto un vigoroso naturalista in Manuel Zeno Gandía (1855-1930), autore di La charca (1894; Lo stagno), El negocio (1922), Redentores (1925) e altri romanzi, ha via via accentuato la tonalità polemica, di denuncia politica e sociale. Importante il contributo offerto da Enrique A. Laguerre (1906-1989), René Marqués (1919-1979), romanziere e drammaturgo di rilievo, César Andreu Iglesias (1915-1976) e Ricardo Cordero (n. 1915).

Tra le generazioni successive, particolarmente ricettive nei confronti delle novità strutturali ed espressive sperimentate dal romanzo ispano-americano durante la felice stagione del boom, si distinguono José Luis Gónzales (n. 1926), Luis Rafael Sánchez (n. 1936), Emilio Diaz Valcárcel (n. 1929), e poi ancora Rodrigo Torres (n. 1941) e  Magalí García Ramis (n. 1946).

 

Musica

Lo stile musicale associato a Porto Rico è il reggaeton, nonostante abbia origini giamaicane. Si dice che sia stato il brano dancehall “dem bow” dell’artista giamaicano Shabba Ranks, uscito nel luglio del 1991, a decretare la nascita dei primi pezzi reggaeton, una volta arrivato alle orecchie dei giovani di Porto Rico.

Tra gli esponenti principali della musica portoricana abbiamo Daddy Yankee, ovvero Ramón Luis Ayala Rodríguez, nato a San Juan, 3 febbraio 1977, è un cantante, rapper, produttore cinematografico, conduttore radiofonico ed imprenditore portoricano. E’ uno degli artisti del XXI secolo più influenti del suo genere tale che la critica lo definisce come El Rey (Il Re) del Reggaeton.

William Omar Landrón, molto conosciuto con il nome d’arte Don Omar, è un compositore e attore portoricano.

 

Film

The Adventurers
After Twenty Years: Puerto Rico
Assassins (filmato a San Juan)
Back in the Day
Bad Boys II (filmato a Porto Rico e ambientato a Cuba)
El Cantante, (con Marc Anthony e Jennifer Lopez)

Articoli che potrebbero piacerti

Letteratura Jewel Kilcher cantautrice e poetessa, ha scritto “A Night Without Armor” e “Chasing Down the Dawn”. Il racconto di T. Coraghessan, “Boyle Drop City” racconta la storia di un gruppo di hippies che si trasferiscono in Alaska. Marcia Simpson ha scritto tre libri che descrivono la vita in una piccola comunità costiera in Alaska: […]

Letteratura Figlie dell’Oceano, KIana Davenport, Ed. Mondadori   Musica Verso i suoi ultimi periodi di vita Elvis Presley dedicò all’arcipelago delle Hawaii la canzone Aloa hoi; inoltre Il 14 gennaio 1973 venne trasmesso in TV il primo show via satellite da Honolulu, Elvis: Aloha From Hawaii seguito da un pubblico stimato in oltre un miliardo […]

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go Australia S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02116980422 R.E.A. AN 162472
Capitale Sociale € 30.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su